SEO Off Page: come farla correttamente




Quando si parla di posizionamento nei motori di ricerca, il pensiero corre sempre a tutte quelle attività che devono essere svolte sul sito per aumentarne il ranking. In realtà, ci sono anche le tecniche di SEO off-page che contribuiscono nello stesso modo ad una strategia digitale di sicuro successo. In che cosa consiste e come fare correttamente la SEO off-page? Scopriamo insieme le migliori strategie da applicare.

Che cos’è la SEO off-page

Tecnicamente la SEO off-page comprende strategie e attività che sono svolte al di fuori del sito. La più conosciuta di queste è sicuramente la link building ma ovviamente non è l’unica. L’utilizzo dei social, lo sfruttamento dei guest post, la citazione in articoli pubblicati su siti autorevoli sono tutte azioni che aiutano il motore di ricerca a riconoscere come interessante il sito e, per questo motivo, a farlo schizzare nelle prime posizioni delle ricerche per una specifica parola chiave.

Perché è importante la SEO off-line

Le tecniche di SEO on-page da sole non sono sufficienti per posizionare al meglio il sito aziendale nei motori di ricerca perché la concorrenza è spietata e sono tanti i brand che vogliono emergere, soprattutto se la keywords sulla quale si gioca la battaglia è ad alta intensità. Occorre, quindi, integrarle anche con quelle azioni che sono eseguite al di fuori del sito ma altrettanto importanti. Ovviamente le attività off-page non devono essere eseguite in modo spot ma occorre inserirle in una strategia più globale e coordinata che abbia come finalità non solo il posizionamento nei motori di ricerca ma soprattutto un miglioramento della web reputation del brand.

Gli strumenti della SEO off-page

Gli strumenti che rientrano di diritto nella SEO off-page sono tanti ma ce ne sono alcuni che possono essere reputati più importanti degli altri. Abbiamo già parlato della link building, ossia quell’attività che mira ad uno scambio di link con siti autorevoli. Tuttavia anche il content marketing, che pure rientra anche nella SEO on-page, è anche uno strumento di promozione off-page, soprattutto se abbinato ai guest post, ossia articoli informativi che vengono pubblicati su siti terzi e che parlano del brand in questione, magari anche con l’inserimento del link al sito aziendale. Altri strumenti utili sono le recensioni, meglio se positive, e i podcast e ovviamente i social network. Infine non vanno trascurati altri canali come le PR online, la partecipazione a forum di opinione, l’influencer marketing e gli eventi sul web.

Come fare correttamente SEO off-page

Il segreto per fare una corretta SEO off-page è quello di non procedere in modo disorganico ma di creare una strategia complessiva che comprenda tutti gli strumenti che sono attualmente a disposizione per questa tecnica. Ovviamente per ottenere i migliori risultati occorre avere pazienza e costanza: i motori di ricerca sono molto riflessivi e così gli utenti, che impiegano tempo per affezionarsi ad un brand. È necessario, quindi, creare un calendario editoriale che garantisca una diffusione capillare e diffusa nel tempo del proprio messaggio.

Alcuni trucchi del mestiere per la SEO off-page

Per avere successo con le tecniche di SEO off-page è importante essere originali e soprattutto puntare su quegli strumenti che sono meno utilizzati dalla concorrenza, senza naturalmente trascurare gli altri. Un esempio? I podcast, un prodotto nuovo che al momento viene utilizzato solo dai grandi brand perché di laboriosa lavorazione, ma che consente di attirare l’attenzione degli utenti e attivare la loro curiosità oltre a quella dei motori di ricerca.


Condividi l'articolo:



Chi sono


Edoardo Valenza

Edoardo Valenza

Appassionato fin da sempre del mondo web mi sono specializzato nella creazione di siti ecommerce, creazione di siti web e in strategie di digital marketing.

Aumentare le vendite di un e-commerce con le raccomandazioni sull’e-mail di carrello abbandonato


In uno dei precedenti articoli di questo blog è stato trattato il tema dell’importanza delle raccomandazioni di acquisto da inserire nelle mail di riepilogo ordine. È stata ribadita non solo l’efficacia per migliorare il ROI ma anche il fatto che si tratti di uno strumento per aumentare le vendite completamente gratuito. C’è un’altra opportunità, però,…


LEGGI

Altri articoli





BigCommerce: come funziona e quali sono i costi


Una delle piattaforme di e-commerce più amate nel mondo è sicuramente BigCommerce, che negli ultimi…


LEGGI


Quanto costa vendere online


Chi decide di intraprendere l’attività di vendita online, partendo da zero oppure affiancando questa soluzione…


LEGGI


E-commerce: vantaggi e svantaggi


Sbarcare nel mercato digitale e iniziare a vendere online sembra la sola soluzione per tutti…


LEGGI