Ottimizzare un sito web WordPress per i motori di ricerca




WordPress è forse la piattaforma di content management più famosa e conosciuta al mondo. È semplice da usare, ha tante funzionalità differenti e consente di creare un sito anche a quelle persone che sono più a digiuno di programmazione. Anche per questi siti, però, è importante utilizzare le giuste strategie per posizionarsi in Google e non solo. Come ottimizzare il sito web WordPress nei motori di ricerca? Ecco qualche consiglio utile.

Utilizzare le tecniche SEO

Un sito realizzato con WordPress è a tutti gli effetti un portale web, quindi sono applicabili tutte le tecniche SEO che di solito si utilizzano con quelli in Html. Ovviamente sono importantissimi i contenuti, la link building ma anche i meta tag e tutto quello che generalmente viene attuato per un’efficace strategia SEO. Tuttavia ci sono anche altri piccoli trucchi che possono essere presi in considerazione per migliorare il posizionamento e velocizzare la propria scalata alle classifiche del ranking: ottimizzare il sito web nei motori di ricerca è un lavoro complesso che richiede impegno e soprattutto tempo.

Sfruttare i vantaggi di una politica di backlink di qualità

Un elemento che permette di avere maggiore visibilità nel più importante motore di ricerca, cioè Google, è rappresentato da una rete di collegamenti con siti di qualità. A tal fine è meglio preferire pochi backlink e autorevoli piuttosto che numerosi ma di scarso valore. Come già avviene per tutti i siti in Html, grazie a questa politica sarà possibile soddisfare le richieste di Google e migliorare il proprio ranking. Assolutamente vietato acquistare backlink perché si finisce con l’essere penalizzati!

Ricorrere a plugin specifici

Esistono dei plugin specifici che consentono ai siti in WordPress di ottimizzarsi in modo automatico. I più famosi sono All in One SEO Pack e Yoast SEO ma in realtà ce ne sono molti altri e possono aiutare il sito ad ottimizzarsi in modo veloce ed efficace e soprattutto con poco sforzo. Ovviamente da soli questi plugin non bastano ma costituiscono un’ottima base di partenza.

Optare per un sito davvero user friendly

Per essere premiati dai motori di ricerca, i siti devono essere a prova di utente, consentire una navigazione semplice e intuitiva, permettere di ritrovare facilmente tutte le pagine e i contenuti desiderati. Per questo è importante già in fase di progettazione organizzare un sito user friendly, sempre molto gradito a Google in particolare. Per quanto riguarda la costruzione responsive, invece, è automatica in WordPress.

Puntare sempre sui contenuti

Come per tutti gli altri siti che devono essere ottimizzati per i motori di ricerca, anche per quelli realizzati in WordPress vale la regola secondo la quale il contenuto è il vero elemento discriminante fra un ottimo e un pessimo posizionamento. Bisogna, quindi, realizzare testi di qualità, sempre originali, in grado di incuriosire e informare gli utenti, per soddisfare le necessità di una platea di potenziali clienti.

Costruirsi la propria nicchia di mercato

Fare network con gli altri blogger di settore o che trattano argomenti affini al proprio è il primo passo per migliorare la propria visibilità ma anche per creare dei backlink davvero di qualità. Inoltre la partecipazione a forum, commentare post sui social e scambiarsi like sicuramente aiuta a migliorare il proprio ranking Google.

Ottimizzare le immagini

Anche le immagini utilizzate sul proprio sito WordPress sono un importante fattore di posizionamento. Sotto questo punto di vista, il consiglio è quello di privilegiare soprattutto il formato .jpeg, dotare tutte le foto di titoli e tag e ovviamente sottoporre ogni immagine a tutte le tecniche di SEO per la loro ottimizzazione, compresa quella dei captions, importantissimi per il posizionamento.


Condividi l'articolo:



Chi sono


Edoardo Valenza

Edoardo Valenza

Appassionato fin da sempre del mondo web mi sono specializzato nella creazione di siti ecommerce, creazione di siti web e in strategie di digital marketing.

Aumentare le vendite di un e-commerce con le raccomandazioni sull’e-mail di carrello abbandonato


In uno dei precedenti articoli di questo blog è stato trattato il tema dell’importanza delle raccomandazioni di acquisto da inserire nelle mail di riepilogo ordine. È stata ribadita non solo l’efficacia per migliorare il ROI ma anche il fatto che si tratti di uno strumento per aumentare le vendite completamente gratuito. C’è un’altra opportunità, però,…


LEGGI

Altri articoli





BigCommerce: come funziona e quali sono i costi


Una delle piattaforme di e-commerce più amate nel mondo è sicuramente BigCommerce, che negli ultimi…


LEGGI


Quanto costa vendere online


Chi decide di intraprendere l’attività di vendita online, partendo da zero oppure affiancando questa soluzione…


LEGGI


E-commerce: vantaggi e svantaggi


Sbarcare nel mercato digitale e iniziare a vendere online sembra la sola soluzione per tutti…


LEGGI