Come usare i titoli per la SEO




Il titolo, detto anche title, è un elemento essenziale del sito ed è molto importante per quanto riguarda la SEO. Va, quindi, posta grande attenzione nella sua formulazione. Come comporlo e quali sono le regole più efficaci? Ecco tutto quello che c’è da sapere.

Perché è importante usare i titoli per la SEO

Quando si costruisce una pagina secondo le regole della SEO è fondamentale usare i titoli perché sono il primo elemento di riconoscibilità da parte del motore di ricerca. È proprio grazie al title, infatti, che Google e gli altri portali indicizzano le pagine e ne classificano il contenuto. Quindi è indispensabile che questo campo venga formulato con grande attenzione, così da avere una possibilità in più per migliorare il proprio posizionamento.

Come scrivere un titolo efficace

Per usare al meglio i titoli e sfruttarne le potenzialità si deve innanzitutto sapere come scriverli bene. Ci sono, infatti, alcune regole importanti da seguire per avere dei title efficaci. La prima cosa da dire è che è opportuno scriverne uno per ogni pagina, così da aumentare le possibilità che il sito possa essere indicizzato correttamente da Google. Vietate le scorciatoie per tentare di imbrogliare Google con titoli poco attinenti al contenuto della pagina: si rischia una severa penalizzazione.

La lunghezza del titolo

La lunghezza è un elemento fondamentale da prendere in considerazione per usare i titoli al meglio. Meglio attenersi alle dimensioni dello snippet di Google: non si devono superare i 50/60 caratteri, altrimenti si corre il rischio che i motori di ricerca taglino il titolo, rendendolo poco comprensibile anche agli utenti e limitandone, quindi, l’efficacia. È opportuno, allora, essere concisi e utilizzare i termini giusti.

Sfrutta la parola chiave

Per aiutare gli utenti a capire alla prima occhiata di cosa parli l’articolo o la pagina, bisogna utilizzare innanzitutto la parola chiave principale e poi quelle secondarie. Il tutto, però, non deve andare a discapito della lunghezza perché il titolo deve essere chiaro, sintetico, efficace e incuriosire il lettore.

Non abusare del brand

Molti webmaster pensano che l’utilizzo spasmodico del nome del brand all’interno del titolo possa essere una buona idea per riuscire a posizione al meglio non solo il marchio ma anche la pagina. In realtà non è proprio così. È opportuno utilizzare il brand per la homepage e per tutte le pagine di servizio, ad esempio quella dedicata al chi siamo. Meno consigliato, invece, sfruttarlo per le pagine del blog perché ruba caratteri e rischia di non essere un valore aggiunto per illustrare meglio il contenuto della sezione.

Porsi una domanda…e darsi una risposta!

L’obiettivo del title è sicuramente quello di aiutare il posizionamento nei motori di ricerca ma anche quello di catturare l’attenzione dell’utente e spingerlo ad aprire la pagina per leggere tutto quello che contiene. Un trucco sempre molto efficace per destare l’attenzione del lettore è quello di porre una domanda e sviluppare, poi, la risposta nella pagina. In questo modo l’articolo risponde ad un’esigenza di informazione del cliente che è invogliato a leggerlo.

Altri piccoli trucchi per un titolo efficace

Ci sono altri piccoli trucchi che possono essere sfruttati per migliorare l’efficacia del titolo. Ad esempio utilizzare le cifre (come “i 10 migliori smartphone del 2021”) è sempre gradito a Google così come l’impiego di un elemento come il doppio pipe, ossia //, che migliora l’esperienza di lettura dell’utente. Infine è sempre consigliabile seguire i suggerimenti forniti da Google Search Console per realizzare un title in linea con i suoi criteri di indicizzazione.


Condividi l'articolo:



Chi sono


Edoardo Valenza

Edoardo Valenza

Appassionato fin da sempre del mondo web mi sono specializzato nella creazione di siti ecommerce, creazione di siti web e in strategie di digital marketing.

Ottimizzare un sito web WordPress per i motori di ricerca


WordPress è forse la piattaforma di content management più famosa e conosciuta al mondo. È semplice da usare, ha tante funzionalità differenti e consente di creare un sito anche a quelle persone che sono più a digiuno di programmazione. Anche per questi siti, però, è importante utilizzare le giuste strategie per posizionarsi in Google e…


LEGGI

Altri articoli





I migliori siti per vendere online


Prima di lanciarsi a capofitto nell’avventura di aprire e gestire un e-commerce proprio, è possibile…


LEGGI


I 20 migliori plugin per WooCommerce


Chi ha deciso di aprire un e-commerce online e ha scelto WordPress per realizzarlo, sicuramente…


LEGGI


Vendere online gratis è possibile?


Sono sempre più numerose le persone che realizzano in modo artigianale vestiti, accessori e molto…


LEGGI