Come rendere a norma GDPR un sito WordPress




Da un po’ di tempo è scattato l’obbligo di mettere a norma ogni sito web con le nuove regole predisposte dal GDPR e quindi di modificare i termini e le condizioni della privacy per gli utenti che visitano il sito web.

Questo problema sorge quando i titolari di un sito web, vogliono tracciare il comportamento degli utenti e la provenienza delle visite, per diversi scopi, che possono essere solamente informativi, oppure di marketing.

Adeguare la nuova privacy GDPR è obbligatorio per ogni tipo di sito web, a seconda della tipologia e a seconda del software utilizzato per la realizzazione. Ciò significa che qualora ci siano dei tracciamenti di dati che coinvolgano gli utenti, è obbligatorio adottare le determinate misure secondo il GDPR.

In questo articolo spiegherò come adattare i siti WordPress con il nuovo GDPR, per essere totalmente a norma.

Che cos’è il GDPR e che cosa comporta

Il GDPR, non è altro che una serie di provvedimenti per tutelare la privacy degli utenti su un sito web.

Quando un utente visita un sito web, è possibile tracciare i suoi movimenti sul sito, oppure visualizzare da dove proviene la visita, utilizzando degli strumenti di analitiche. In questo articolo è possibile approfondire il discorso delle analitiche, vedendo quali strumenti si possono utilizzare e come utilizzarli.

Per adottare la privacy GDPR, sono necessari pochi semplici passi, ma tuttavia è fondamentale seguirli al meglio.

In primo luogo l’utente deve fornire il consenso esplicito all’ingresso di un sito web, prima di essere tracciato. A questo proposito entrano in gioco i banner cookie, che non dovranno solamente informare l’utente, ma dovranno fornirgli la reale possibilità di accettare o rifiutare l’utilizzo dei cookie nel proprio dispositivo.

Questo è il primo grande passo da eseguire per adattare un sito web con la nuova privacy GDPR.

In secondo luogo, la pagina informativa sulla Privacy e sui Cookie, deve indicare precisamente quali dati vengono raccolti e come vengono raccolti, specificando inoltre la durata di salvataggio dei dati memorizzati.

Oltre a questo, è necessario indicare quali strumenti vengono utilizzati per la raccolta dei dati, indicando un link che è possibile visitare per leggere l’informativa privacy gdpr dello strumento utilizzato.

Come implementare il GDPR in WordPress

Detto questo, è il momento di vedere come implementare il GDPR in WordPress. Per fortuna, WordPress offre una vasta gamma di plugin gratuiti che si possono integrare all’interno del proprio sito.

Per adattare un sito WordPress al nuovo GDPR, sarà necessario installare un plugin banner cookie gratuito che comprenda tutte queste funzionalità. Il plugin più diffuso e utilizzato e Cookie Notice.

Dopo aver installato il plugin necessario e dopo averlo impostato correttamente, è necessario adeguare il testo della Privacy e Cookie Policy come indicato sopra.

In questo modo è possibile rendere un sito WordPress completamente a norma per quanto riguarda la privacy GDPR.


Condividi l'articolo:



Chi sono


Edoardo Valenza

Edoardo Valenza

Mi occupo della creazione di siti web, della creazione di siti ecommerce e di digital marketing, offrendo un servizio completo a 360 gradi.

Altri articoli







Come usare i Google Fonts su WordPress


I font cambiano il look di un sito web. Attraverso i font è possibile comunicare utilizzando i caratteri che compongono i testi di un sito web. Ogni font presenta determinate caratteristiche e viene usato per motivi diversi. Non tutti i font sono adatti ad ogni sito web e la scelta di quali utilizzare deve essere […]


LEGGI




Le differenze tra siti web professionali e siti web amatoriali


Le differenze tra un sito web professionale e un sito web amatoriale, incidono sui risultati che si desiderano ottenere dal proprio sito web, oltre a presentare una serie di caratteristiche differenti. Un sito web professionale è sicuramente più indicato per tutte quelle attività che possono investire su questa opportunità, in modo da ottenere la giusta […]


LEGGI