Come analizzare un sito web in modo efficace




Analizzare un sito web è l’unica strada per comprendere il comportamento degli utenti e migliorare il sito web stesso. Esistono molti strumenti che si occupano dell’analisi di siti web e che permettono di recuperare dati preziosi che possono essere utilizzati per monitorare e migliorare un sito web.

Analisi sito web: come vengono raccolti i dati

Prima di iniziare a parlare di come eseguire l’analisi di un sito web, è opportuno chiarire in che modo vengono raccolti i dati e quali norme devono essere seguite.

Tutti i dati raccolti sono anonimi, ciò vuol dire che analizzare un sito web, non vuol dire conoscere nome e cognome delle persone che lo visitano.

A seconda della piattaforma sarà possibile visionare il luogo di provenienze delle visite, il numero totale di visite, la frequenza di rimbalzo, registrazioni video delle visite e orari delle visite, oltre a dati più “tecnologici” come ad esempio il browser utilizzato ecc.

Analisi sito web: le norme da seguire

Per analizzare un sito web, è necessario seguire delle norme previste dalla legge GDPR europea. In poche parole, prima di estrapolare i dati di un utente che visita un sito web, l’utente deve acconsentirlo tramite un apposito pulsante. Soltanto quando l’utente sarà avvisato e avrà acconsentito l’analisi dei suoi dati, i dati potranno essere raccolti.

L’utente deve poter inoltre rifiutare l’utilizzo di tutti gli strumenti di analisi quando entra nel sito web o in un secondo momento, durante la navigazione. Quindi in questo caso non verranno raccolti dati.

Analisi sito web: gli strumenti da utilizzare

Dopo aver chiarito come vengono raccolti i dati e quali norme seguire, possiamo procedere elencando gli strumenti per analizzare un sito web.

Esistono strumenti gratuiti e a pagamento, che comprendono più o meno funzionalità di diverso tipo.

Google Analytics

Lo strumento più conosciuto per effettuare analisi web è sicuramente Google Analytics. Si tratta di uno strumento fornito da Google, che permette di monitorare vari dati forniti dagli utenti di un sito web.

Attraverso Google Analytics è possibile monitorare il numero totale dei visitatori di un determinato periodo, la frequenza di rimbalzo, il luogo di provenienza dei visitatori e l’orario di visualizzazione dei visitatori.

In secondo luogo, Google Analytics permette di impostare degli obiettivi, ovvero delle azioni personalizzate. Gli obiettivi possono essere impostati ad esempio per monitorare il numero dei click di un pulsante presente sul sito web.

Hotjar

Hotjar, è un potente strumento che si può utilizzare gratuitamente con delle limitazione, oppure pagando una licenza. A differenza di Google Analytics, Hotjar permette di effettuare delle mappe di calore, che permettono di visionare il comportamento degli utenti all’interno di una pagina web. Ad esempio è possibile visionare dove scorrono gli utenti e dove cliccano maggiormente.

Oltre alle mappe di calore, Hotjar offre la possibilità di effettuare delle registrazioni della navigazione degli utenti. In questo modo sarà possibile visionare correttamente il comportamento degli utenti.

Oltre a queste due importanti funzioni, Hotjar fornisce degli strumenti per l’analisi dei form di contatto.

Matomo

Matomo è un software gratuito che permette di analizzare i dati attraverso un interfaccia semplice e intuitiva. Racchiude le funzionalità fornite da Google Analytics e da Hotjar e comprende anche funzionalità per l’analisi di ecommerce.

A differenza di Analytics e Hotjar, Matomo deve essere installato sul server web, permettendo quindi il pieno controllo e possesso dei dati di analisi.


Condividi l'articolo:



Chi sono


Edoardo Valenza

Edoardo Valenza

Mi occupo della creazione di siti web, della creazione di siti ecommerce e di digital marketing, offrendo un servizio completo a 360 gradi.

Altri articoli







Come aumentare la brand awareness con l’email marketing


Per aumentare la brand awareness in modo soddisfacente, l’utilizzo dell’email marketing rappresenta una potenziale soluzione che consente di raggiungere questo obiettivo. Ecco come. Il permesso del contatto con l’email marketing Spesso si suppone che l’email marketing sia uno strumento che deve essere sfruttato solo ed esclusivamente nel momento in cui il cliente viene conseguito, ovvero […]


LEGGI




Come ottimizzare un sito ecommerce in modo user friendly


Vediamo quali sono le caratteristiche fondamentali che deve avere un sito ecommerce ottimizzato in ottica user friendly. Creare un ecommerce con schede esaustive Il primo punto focale che bisogna tenere a mente è la realizzazione delle schede dei prodotti, le quali devono garantire al cliente la certezza che tutte le informazioni in esse contenute siano […]


LEGGI